Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘isf’

IMAG0219e oggi anche il mitico ced dell’unione dei comuni, ospitato dai giorni dopo il terremoto nella scuola di mirandola, trasloca! nella foto l’insostituibile fabiana che lascia la scuola con i suoi scatoloni – oggi davvero finisce un pezzo di storia, per tutti noi che siamo passati di qui

pensate che sulla lavagna del ced c’era ancora la divisione dei compiti di agosto scorso … con gli anni sto diventando decisamente nostalgico ;-) – nel nuovo comune anche oggi molti impiegati al primo giorno, via via che gli installiamo telefono e pc gli si illuminano gli occhi

a parte qualche piccolo disguido e qualche danno da trasloco (una stampante, qualche scheda video) funziona tutto al primo colpo grazie al lavoro dei ragazzi che hanno organizzato bene il tutto, ed è un piacere vedere come gli impiegati sono contenti di ritrovare le loro postazioni di lavoro in un posto finalmente ben organizzato e piacevole da vivere

ieri passeggiata solitaria in centro e riflessione su quanto qui in emilia sia importante il piacere e il sesso qui tutte le donne hanno una notevole carica di seduzione a qualunque età e anche con i maschietti basta un’occhiata di intesa per trovarsi a commentare il fisico o la camminata della donna che passa o della collega o il seno della mitica barista – c’è proprio un’aria godereccia e il sesso occupa giustamente un posto importante nella vita, e dunque nelle chiacchiere, di tutti

oggi si rientra e questa volta non c’è neanche un “arrivederci” definito a prossimi prevedibili traslochi – sono contento per loro, ma certo un po’ mi spiace … passerò di qui a prendere un caffè e a commentare ancora le donne con gli amichetti del ced … grazie per averci dato l’occasione di aiutare!

Read Full Post »

IMAG0218mentre stavo per uscire mercoledì sera dalla scuola è venuto un diluvio tropicale! anche quando ha smesso di piovere, una tempesta di tuoni ha continuato a suonare

al b&b ho incontrato altri due isf toscani che stanno aiutando a concordia, alessio e massimiliano: dopo la sistemazione nelle camere, siamo andati insieme a cena in una trattoria (la taverna dei pico, ovviamente) – gnocco fritto e tigella per tutti, condito da chiacchiere sul digital divide e su ricordi da “vecchi” informatici

giovedì mattina abbiamo fatto un salto a medolla per installare una stampante e sistemare un paio di pc, poi siamo andati alla nuova sede del comune, dove i trasportatori stanno portando i pacchi – installo una stampante nel centro anziani dove educatrici (pazientissime!) stanno leggendo il giornale a un gruppo di vecchietti … i vecchietti litigano, parlano e si agitano proprio come un gruppo di bambini :-)

nel pomeriggio lavoro da solo alla nuova sede comunale e sistemo i pc della ragioneria, che sono state le prime a traslocare – tolgo i pc dalle scatole, li monto, collego cavi telefoni e patch, lancio una bella pulizia del pc con aggiornamento e deframmentazione finale: servizio completo!

i nuovi uffici sono ben condizionati: pensate che la temperatura è regolata a 26° ed entrando da fuori si sente freddo – la nuova sistemazione da molti impiegati viene vissuta come un ritorno a una vita “normale”, almeno nel tempo lavorativo (nella foto il duomo di mirandola che i vvff stanno mettendo in sicurezza)

Read Full Post »

IMAG0213mi sveglio che è ancora buio, la splendida luna mi guarda incuriosita – treno per roma delle 5.39, quello dove quasi tutti i passeggeri non sono nati in italia

si torna a mirandola! gli amici (ex)terremotati hanno chiesto a isf un aiuto per spostarsi nei nuovi uffici comunali, ed ecco l’occasione per dare di nuovo una mano

bologna e poi arrivo alla stazione di mirandola, dove trovo ad aspettarmi la mitica pandina del comune con il riccardo! che piacere … andiamo subito alla scuola da dove dobbiamo traslocare le postazioni di lavoro

fa molto caldo, anche se è meno umido dell’anno scorso, in giro si vedono molti segni del sisma – nella foto la rocca estense di san felice sul panaro, uno dei comuni coinvolti nel supporto di isf

ritrovo alcuni dei “ragazzi” del ced: riccardo, mirkino, michele, massimo e soprattutto l’insostituibile fabiana che mi accoglie con la solita simpatia – i lavori di trasferimento sono partiti e stanno andando bene, oggi ci possiamo permettere lavori di rifinitura a mirandola, dove spostiamo alcuni server, e san felice, dove installiamo e configuriamo alcuni pc

in giro non ci sono più le tendopoli, ma ancora molti container per chi ha avuto i maggiori danni – le strutture comuni si stanno sistemando, ma molte case private sono ancora indietro … io alloggio in un b&b: domani vi dico com’è!

Read Full Post »

dimenticavo! a dicembre, quando ero in iraq, ho partecipato ad organizzare “da remoto” una presentazione di ricette al “mio” centro anziani di garbatella – da poco il filmato è in rete!

si tratta sempre del progetto di informatici senza frontiere insieme a telecomitalia

nb: c’è anche mia suocera con una sua ricetta!

Read Full Post »

logoriporto sul mio blog gli auguri di fine anno di informatici senza frontiere, l’associazione contro il digital divide con cui quest’anno ho collaborato per la fantastica “palestra” informatica del centro anziani garbatella e per il bellissimo impegno nei paesi terremotati dell’emilia

facendo il mio bilancio di fine anno mi sono accorto che molti dei momenti di gioia del 2012 sono nati all’interno di iniziative di volontariato come queste – sono contento di aver dato anche io un po’ di “entusiasmo, costanza, dedizione, cervello e sorriso”

minisito_emilia“E’ stato un anno importante per il numero di soci effettivamente coinvolti nei progetti, per la qualità dei risultati, per i riconoscimenti di successo avuti, ma anche, e non ultime, per le innovazioni che abbiamo saputo realizzare; il merito e’ di tutti voi che avete donato competenza ed impegno, ed ancor di più, entusiasmo, costanza, dedizione, cervello e sorriso.

                                                                                                        GRAZIE
  • abbiamo insegnato l’abc del computer e di internet agli anziani col progetto Navigare Insieme a Milano, Roma, Firenze, Cagliari, Torino, Bari, Ancona, Parma, Venezia, Trento, Napoli, Palermo, Trieste e Genova; alcune città hanno avuto centinaia di allievi (Venezia in primis) e le giornate spese per questo progetto arriveranno intorno ai mille giorni a fine progetto (v. sotto un video girato in larga parte a garbatella)
  • ma l’abc l’abbiamo insegnato anche ai bambini di strada di Napoli e Scampia, ai tossicodipendenti di Roma, agli emigrati e rifugiati extracomunitari di Bari e ancora a Verona, Benevento ed in altre città
  • abbiamo costruito aule didattiche ed insegnato in Africa , iniziando dal Mali in gennaio per poi andare in Sud Sudan, in Uganda, e proseguire in Tanzania e finire nei prossimi giorni in Madagascar, senza dimenticare quanto fatto in Albania
  • abbiamo aiutato le persone colpite dal terremoto in Emilia, fin dai primi giorni del sisma, ed ancora le stiamo aiutando con l’allestimento di aule scolastiche; da tutte la regioni sono arrivati soci a lavorare nei fine settimana, o prendendosi giorni di ferie; in questo caso i giorni spesi sono stati  appena inferiori a 200
  • e poi c’è stato il solito supporto agli ospedali con la nostra applicazione Open Hospital in Etiopia, Kenia, Uganda, Eritrea, Tanzania, …
  • e su questa applicazione abbiamo inserito nuove funzioni, realizzate da universitari che hanno fatto, col nostro aiuto, la loro tesi sperimentale di Laurea
  • abbiamo costruito un sistema (ora in fase di test operativo) che dà la possibilità ai malati di SLA di esprimersi  attraverso il movimento degli occhi, e di comunicare attraverso sms o internet
  • ed ancora un’applicazione per smartphone (anch’essa in fase di test operativo) che dà la possibilità ai ciechi di scorrere e leggere il giornale
  • abbiamo ricondizionato centinaia di PC per poi spedirli presso numerose comunità  italiane od estere
  • … e mille altre piccole attività ed iniziative che hanno aiutato chi è meno fortunato di noi”

Read Full Post »

e rieccomi a mirandola: gli amici del comune hanno chiesto un’altra mano a informatici senza frontiere e, anche solo per due giorni, mi fa piacere tornare

parto che è buio, la luna piena e arrivo presto a mirandola – il grande riccardo mi viene a prendere e neanche il tempo di salire in macchina, veniamo dirottati ai magazzini per un pc che non parte più: rapida analisi del problema e sostituiamo l’alimentatore che per fortuna troviamo nella mitica pandina /deposito hardware

arriviamo alla scuola/comune, saluto tutti e mi metto a lavorare su pc da “ripulire” per i nuovi assunti … che bello, farei questo per mesi e anni …

a pranzo trasformiamo una conoscenza virtuale in reale e prendo un’insalata con emanuela, professoressa a mirandola, conosciuta in rete parlando di libri, ebook e tablet nelle scuole – che begli incontri!

dopo il pomeriggio di lavoro, intervallato da scherzi e battutacce di gruppo, la sera sono ospite da fabiana, la mitica segretaria-tuttofare del ced di mirandola – partitella con la wii con il figlio e una piacevole cena con loro quattro , poi a nanna in mansarda

il giorno dopo è tutto di lavoro, sempre con pc e portatili da sistemare – mi dà piacere, sembra che qui tutto sia più denso, abbia un senso più chiaro

in giro molti segni che l’emilia sta uscendo alla grande dalla crisi del terremoto: scuole funzionanti costruite da zero in due mesi, i capannoni e le case in via di ristrutturazione, la gente che continua a lavorare e scherzare – che italia qui!

(nella foto la lavagna del ced di mirandola)

Read Full Post »

“… per me rimane molto difficile ,ma spero con il tempo giusto di imparare ,almeno a digitare sul computer delle frasi che mi interessano

Voglio partecipare al corso bene organizzato di computer , perché mi sento tagliata fuori da tutti, persino i miei nipoti piccoli parlano un linguaggio e non posso mai rispondere a niente. Purtroppo sono nata in un’epoca in cui il computer non era presente , perciò vorrei almeno imparare a capire quando parlano di internet . Ci provo e spero.”

(frasi scritte al computer da lidia, la più anziana discente della palestra informatica garbatella, gestita da informatici senza frontiere nel progetto navigare insieme)

:-)

Read Full Post »

in questo breve video trovate spiegato cosa siamo andati a fare, come volontari di isf, nei paesi terremotati dell’emilia

trovate altre info sul blog dedicato di isf

Read Full Post »

e in un batter d’occhio è già ora di rientrare, le ultime corse a sistemare un disco, una stampante, una rubrica e già sono in stazione, accompagnato dall’ottimo riccardo – per dare un’idea del “clima” locale pensate che oggi mi hanno portato una torta per un intervento riuscito

quattro giorni intensi vissuti in un fiato, un pacco di sensazioni da sedimentare e riordinare come foto prese in fretta

ringraziamento uno: grazie ragazzi del ced per averci dato l’occasione di aiutare, grazie per la simpatia generata anche dalla comunanza tecnica, per la pazienza nello spiegarci configurazioni e fisime degli utenti

ringraziamento due: grazie a tutti i volontari (specie quelli del campo friuli), in divisa e non  per aver dimostrato per l’ennesima volta che in italia c’è gente splendida che sa FARE le cose gratuitamente, con passione e competenza

ringraziamento tre: al terremoto, perché lavorare in queste situazioni ti fa capire cosa è importante (nel lavoro e nella vita) e cosa no

proposta: diamo da gestire le cose in italia a questa gente! molti sono dipendenti pubblici, quasi tutti volontari, e sanno gestire, coordinare e mediare – come mai nel quotidiano riusciamo a disperdere queste energie?

spero di tornare a mirandola, magari con altri isf, per dare ancora una mano – riflettevo che degli anni passati ricordo i viaggi, le persone e queste occasioni di volontariato, mentre le stupidaggini che occupano il 90% del nostro tempo scivolano via senza lasciare tracciare

Read Full Post »

che fare del cinque per mille? quest’anno datelo a informatici senza frontiere!

isf sta curando tanti progetti attivi nei paesi sottosviluppati

e in italia non solo stiamo lavorando al centro anziani della garbatella, ma siamo anche intervenuti sul terremoto in emilia

ci costa solo una firma e un numero … eccheccevò?

Read Full Post »

Older Posts »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 420 follower