2666

nel libro di Bolano si trova la capacità (tipicamente latinoamericana) di unire il quotidiano e lo straordinario, di far apparire il sogno all’improvviso e di renderlo coerente con la vita sveglia, racconto dentro racconto

copj13.asple storie si accavallano e (falsi?) miti cileni si mescolano con l’attualità, boris eltsin e la civiltà araucana, sogno sognato e avvenimenti improbabili al limite della magia, come cose che accadono appena fuori dal campo visivo, cose che sentiamo senza vedere

ogni occasione è scusa per un racconto, anche una predica dell’ultima delle black panther o le conversazioni orecchiate in un ristorante chicano che si trasformano in lezioni di storia e poi in spunti per un noir

un libro da leggere come un lungo sogno a puntate, lasciandosi trasportare lontano dall’ovvio e lasciandosi cullare da mille collegamenti magici

“Secondo lei, suo marito era un santo. Aveva qualche difetto, per esempio era arabo, marocchino per la precisione, ed era anche pigro, ma in linea generale, secondo Vanessa, si trattava di un tipo in gamba, che non si arrabbiava quasi mai senza motivo e quando lo faceva, al contrario degli altri uomini, non diventava violento né maleducato, ma malinconico, triste, sgomento davanti a un mondo che all’improvviso si rivelava troppo grande e incomprensibile.”

“Un paio di volte cercò di dire qualcosa, ma non ci riuscì. Il silenzio di lei, però, non era sgradevole né racchiudeva rancore o tristezza. Non era denso ma trasparente. Quasi non occupava spazio. Uno poteva addirittura abituarsi a quel silenzio, pensò Espinoza, ed essere felice. Ma lui non si sarebbe mai abituato, sapeva anche questo.”

“Che triste paradosso, pensò Amalfitano. Neppure i farmacisti colti osano più cimentarsi con le grandi opere, imperfette, torrenziali, in grado di aprire le vie dell’ignoto.”

One thought on “2666

  1. Pingback: chiamate telefoniche | il blog di Carlo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...