adesso basta

simone perotti ci racconta in questo libro come e perché cambiare vita, smettendo di fare cose spiacevoli (spesso il lavoro) e  inseguendo sogni possibili; anche se ognuno ha la sua storia ed è difficile generalizzare, il libro ci fa pensare alla bellezza dei cambiamenti possibili

occasione per qualche riflessione personale sulla propria vita: quanto sono libero? quanto felice? per mia fortuna, molto più dell’autore prima del basta!: la sua storia mi ha fatto ricordare quando anche io compresi che non avrei mai fatto carriere mondiali, quando anche io, giovane intelligente fortunato, capii che avevo troppi dubbi e troppe voglie per essere perfettamente integrato e convinto del successo

ma … i figli? non sono calcolati nella vita di sp? in mezzo a qualche dubbio dovuto ad imprecisioni (9784 morti sulle strade europee? sono 4-5 volte d +) (posso dire? tipiche di un uomo che ha lavorato nelle PR … ;-)), mi resta il dubbio che in qualche caso rinviare a un downshifting assoluto possa essere un modo per non cambiare il proprio quotidiano

in tanti modi (cambiando lavoro, riprendendo l’università, con la mia francigena, i viaggi in moto, le cooperazioni internazionali, …, il blog!) ho modificato sostanzialmente la mia vita senza bisogno di aspettare la palingenesi, in modo compatibile con la paternità e (forse) con la coppia

“Ma il potere si è ulteriormente evoluto, ha imparato che la dittatura e il totalitarismo non servono più. Bastano i vetrini luccicanti del consumo, del potere economico, dei servizi, dei beni per tenere tutti sotto scacco, proni e incapaci di offendere. I prodotti, la loro accessibilità, la loro apparente convenienza sono sufficienti a spingere orde intere di persone, pure benestanti, pure acculturate, a uscire tutte le mattine da casa con la loro vettura fiammante, a percorrere a passo d’uomo strade intasate, a lavorare per dieci, dodici ore in modo sempre identico, sentendosi anche privilegiate, e poi a ritroso, e poi ancora avanti, senza che ci sia un ordine perentorio, senza che qualcuno alzi la voce.”

Advertisements

4 thoughts on “adesso basta

  1. Carlo mi pare che tu abbia centrato il punto. Si può cambiare radicalmente o gradualmente, in tutto o in parte. Basta che la si finisca di lamentarsi e si agisca. La vita lo richiede. La nostra dignità lo impone. Siamo uomini liberi, nipoti di Leonardo da Vinci e Andrea Doria. Ricordiamocelo. Grazie di aver parlato del mio libro. ciao!

  2. Pingback: io non lavoro « il blog di Carlo

  3. Pingback: incipit vita nova « il blog di Carlo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...