ballando nudi nel campo della mente

il libro di uno scienziato non ortodosso, che ama il surf e le donne, che ha ammesso di aver provato anche l’lsd, ci dà l’occasione di scoprire viste trasversali e non convenzionali su mille argomenti

in un modo divertente il nobel per la chimica ci regala ipotesi sui nostri sensi (non solo 5!), ci propone di smetterla con gli attuali esperimenti di fisica delle alte energie dedicando gli investimenti a scoprire ed evitare asteroidi che possano cadere sulla terra o semplicemente a migliorare le previsione meteo

esilarante la descrizione delle sue molte esperienze con sostanze psicotrope, dall’lsd al protossido di azoto: certo uno scienziato non convenzionale

da non perdere la simpatica spiegazione evoluzionista della necessità per l’uomo delle vitamine o la polemica sulla mancata dimostrazione della relazione causale tra hiv e aids; discutibile a mio parere invece la polemica contro la teoria del riscaldamento globale, anche se l’attacco contro i tecnoburocrati contiene molti elementi di verità

“Un segmento della nostra società stava sperimentando uno stile di vita, e le cose non sono andate come previsto. Si sono ammalati. Un altro segmento della nostra società così pluralista – chiamiamoli medici/scienziati reduci della guerra perduta contro il cancro, o semplicemente sciacalli professionisti – hanno scoperto che funzionava. Funzionava per loro. Stanno ancora pagandosi le loro BMW nuove con i nostri soldi.”

“Noi siamo un sottile strato di muschio su un masso voluminoso. Siamo un piccolo fenomeno biologico che produce parole, pensieri e bambini, ma non arriviamo neanche a solleticare le piante dei piedi al pianeta. Picconiamo e scaviamo la sua superficie più esterna, e la dividiamo in quadratini a nostro uso e consumo Guardiamo le stelle e pensiamo che anche quelle stiano lì per noi.”

“La stragrande maggioranza del mondo ci risulta invisibile, a prescindere dalla brillantezza delle nostre luci; le nostre orecchie non percepiscono più di una frazione dei suoni che esso produce, né riusciamo ad avvertirne, con le nostre dita, il tessuto sottile. Anche con tutti gli strumenti di cui disponiamo, lunghi tubi piazzati sulle montagne, e un telescopio Hubble nello spazio, siamo ciechi alla miriade di complesse energie che ruotano, vibrano e pulsano intorno a noi, giorno e notte, anno dopo anno, millennio dopo millennio. Il comportamento più adeguato per un essere umano è quello di sentirsi fortunato di essere vivo, umile di fronte all’immensità del tutto. Magari facendosi una birra. Rilassatevi, e siate i benvenuti sulla terra.”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...