voci

Care, ideali voci,
di quelli che sono morti, di quelli
per noi perduti come i morti.

A volte nei sogni ci parlano,
a volte nei pensieri le ascolta la mente.

E per un attimo con la loro eco ritornano,
echi profondi della prima poesia della nostra vita –
come musica lontana che svanisce nel nulla.

(k. kavafis – da tra queste stanze buie)

(quante volte ascoltare la voce di mio padre me l’ha fatto sentire vicino, dopo la sua morte …)

Annunci

Informazioni su vaccaricarlo

father (3), blogger (vaccaricarlo), biker (Ducati)
Questa voce è stata pubblicata in poesia e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...