mela marcia

il libro è una raccolta di saggi sul fenomeno apple – il primo racconta la storia allucinante del ritrovamento fortuito di un nuovo modello di iphone e della lotta legale/poliziesca scatenata da apple contro il blogger di gizmodo che ne era venuto in possesso – a parte i dubbi che sia stata una montatura marketing, l’episodio mostra come di fronte agli interessi di queste grandi aziende anche i diritti individuali scompaiano

viene poi raccontata l’origine delle differenze di “visione” tra steve jobs e steve “woz” wozniak, differenze nate al mitico homebrew computer club, il primo club di hacker: woz ha sempre tentato di mantenere apple fedele allo spirito delle origini, continuando a predicare un’apertura ormai smentita da tutte le scelte recenti di apple

da leggere il capitolo dedicato al bluff dell’ipad e quello sulla convergenza di interessi tra il modello chiuso di apple e la vecchia editoria collusa con il potere, spaventata dall’ondata di libertà portata dai blog e dalle notizie generate dagli utenti – una bella metamorfosi dall’hacker dei primi anni al jobs censore dei blog

“Ma Apple non vuole conquistare la rete: vuole far uscire i topolini dalla rete, e condurli, ipnotizzati, in un mondo altro, come nel Flauto Magico. Vuole portare gli utenti fuori dai pericoli della rete per accompagnarli dentro il recinto e gli steccati “sicuri” di iTunes e AppStore, dove l’utente non naviga, non rischia, ma docilmente acquista e scarica web apps. Come un bimbo dentro un comodo box: non esplora il mondo, ma gioca con i peluche e i sonaglini che la mamma gli mette a disposizione.”

” … sembra proprio che alcuni degli elementi vitali della nostra esistenza siano mal digeriti da chi si sta trovando, grazie alla tecnologia, un grande potere economico in mano:
– il gioco (la possibilità di metterci le mani sopra, ovvero l’hacking);
– la libertà di espressione (attività di giornalisti, attivisti e cittadini vari);
– il sesso (ricordatevi che i contenuti erotici sono off limits per le web application).”

(gli autori del libro, liberamente consultabile e scaricabile dalla rete, ne hanno fatto anche un blog)

4 thoughts on “mela marcia

  1. I’m amine and I attended to one of your presentations relative to WEB 2.0 during the twining project (SISE) between iStat and INS-Tunis.

    I have a little question:
    what would you chose an iPhone 4 or an HTC with the OS android? and Why?

    Thanks…

  2. Pingback: altri punti di vista sulla morte di steve jobs « il blog di Carlo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...