gratis

dopo il successo di “la coda lunga“, uno dei libri da leggere assolutamente per capire la rete di questi anni, chris anderson, direttore di wired e uno dei più stimolanti studiosi del web, analizza le caratteristiche dei servizi offerti in rete a costo zero

i diversi modelli di gratis (dal latino gratiis) vengono analizzati, a partire dal vecchio “regalo del cellulare per ricevere i soldi delle telefonate” al “servizio/sito gratuito in cambio della pubblicità” al servizio completamente gratuito come wikipedia

al solito brillante e piena di contributi stimolanti la scrittura di anderson,  cui si perdona volentieri qualche eccessiva semplificazione ampiamente ripagata dalle idee originali

(nota per la casa editrice: un libro così importante merita una traduzione e una correzione di bozze ben fatta, dove non si confondano i milioni di dollari con i miliardi, come a pag. 159, dove si dice che google è un’azienda da venti milioni di dollari che fa quattro milioni di profitti … MILIARDI! – billion!)

“La scorta globale di attenzione è limitata? C’è forse una quantità finita di attenzione, sicché per ogni star di YouTube che sale alla ribalta un’altra deve cadere, per mantenere una qualche costante cosmica? Può una generazione avere più capacità di attenzione rispetto alle precedenti, oppure il multitasking riduce a fettine più sottili la stessa quantità di attenzione?”

“La lezione che possiamo trarre dalla narrativa è che non siamo in grado di immaginare compiutamente l’abbondanza. I nostri cervelli sono programmati per la scarsità; ci concentriamo sulle risorse insufficienti, come il tempo e il denaro. E’ questo che ci dà stimoli. Se otteniamo ciò che cerchiamo, tendiamo a disinteressarcene presto e a trovare una nuova scarsità da inseguire. Siamo motivati da ciò che non abbiamo, non da ciò che abbiamo.”

“… questo errore deriva anche dal fatto di quantificare il valore di qualcosa usando le unità di misura sbagliate. Calcolando i minerali da cui è composto, e ai prezzi di mercato corrente, mio figlio minore vale cinque dollari: ma non ve lo venderei per quella cifra. Per me vale di più per via del modo in cui quei minerali sono assemblati, e tutti gli altri atomi, stati quantici e tenerezze assortite che nell’insieme lo rendono una persona. Confondere il costo di trasmissione dei megabit con i costi sostenuti per crearli e il significato che hanno per il ricevente vuol dire non capire dove risiede davvero il valore. Il valore non è nella rete: è nella produzione e nel consumo, ai margini, là dove trasformiamo i bit in significato.”

Annunci

Informazioni su vaccaricarlo

father (3), blogger (vaccaricarlo), biker (Ducati)
Questa voce è stata pubblicata in libri, web 2.0 e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a gratis

  1. PierG ha detto:

    By the way anche il libro stesso non era gratis (in ebook) una volta?
    PierG

  2. vaccaricarlo ha detto:

    L’offerta è scaduta, ora sono disponibili degli estratti: http://www.scribd.com/doc/17135767/FREE-by-Chris-Anderson

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...