tre atti e due tempi

libretto di giorgio faletti ambientato in quel mondo del calcio di provincia che sopravvive ai confini del football miliardario – un libro amaro raccontato da un protagonista che ha pagato duramente i pochi errori della sua vita

faletti ha acquisito una bella scrittura, asciutta ed evocativa, e i suoi personaggi sono descritti con poche efficaci pennellate

si parla anche del rapporto tra un padre e un figlio che sta diventando adulto (come non sentirmi coinvolto?) – un bel rapporto tra uomini che nasce dalle ceneri di una difficile relazione asimmetrica

il libro descrive bene il livello di corruzione del sistema calcio, evidenziato dai recenti scandali, ma alla fine è quasi troppo indulgente, puntando sulla presunta buona fede di quasi tutti

“L’esperienza è una cazzata, una cosa che non esiste, un bacio che non sveglia da nessun sonno. E’ utile per cambiare una lampadina o imbiancare una stanza o prendere un gatto senza farsi graffiare.
Per il resto è sempre la prima volta.
L’esperienza serve solo a capire in che modo si soffrirà o quanto soffriranno le persone che hai vicino.”

“Io sono un vecchio rincoglionito, perché in quel momento mi si sono inumiditi gli occhi e nella gola avevo qualcosa che sapeva di ferro e sembrava fatto di gomma.
Gli ho teso la mano.
Lui l’ha ignorata e mi ha abbracciato, stringendomi con una forza che ero certo che avesse.”

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...