the right to useful unemployment

ho trovato in rete queste frasi di franco la cecla (ricordate modi bruschi?) – riflessioni sul mondo del lavoro di oggi con collegamenti alle tematiche del volontariato e del lavoro “liberato” e, perché no?, alla mia situazione lavorativa attuale

“Sono passati più di trent’ anni da quando Ivan Illich scrisse un corrosivo pamphlet, “Il diritto alla disoccupazione creativa”, nel quale teorizzava che contrariamente alle preoccupazioni sulla piena occupazione e al verbo di sinistra e di destra sul valore del lavoro c’ era un’ altra via, quella di concepire la propria disoccupazione come un’ occasione straordinaria per uscire dalle logiche solite del salario e del mercato. Illich rivendicava uno spazio alla disoccupazione creativa nel quale si mettevano in dubbio le logiche che avevano trasformato il lavoro in qualcosa da fare per un salario e invece si riscattava la natura liberatoria di pratiche, azioni, saper fare, attività individuali e collettive che lui chiamava vernacolari.

Vernacolare era secondo lui quello che nasceva dalla logica del fare qualcosa per sé o per gli altri, dall’ orto all’asilo gestito in comune, dal mutuo appoggio al fare artigiano, artistico o letterario. Il diritto alla disoccupazione creativa leggeva nella schiavitù del lavoro salariato la peggiore delle maledizioni che l’uomo moderno si era inventato e nel recupero del fare per sé e per gli altri una magnifica strada per una società conviviale.”

(notate come il titolo passi dall’inglese “The Right to Useful Unemployment” all’italiano “La disoccupazione creativa”)

One thought on “the right to useful unemployment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...