iraq 2012 – 7

stamattina mi sono “perso” nel bazaar, nel senso che ho iniziato a girare, all’inizio per cercare un vestito da fata per la mia ultima donna, poi ho continuato ad andare senza scopo, con l’unico obiettivo di trovare tutti i passaggi del bazaar, evitando di ripassare su percorsi già fatti – a me girare per negozi a roma fa venire l’orticaria, qui invece passo le ore a girare per i cunicoli, guardare la merce, lasciare entrare in me suoni immagini odori è davvero un modo di conoscere, capire (almeno un po’) una terra diversa e lontana

una notazione sugli uomini: si toccano, si abbracciano, vanno in giro tenendosi per mano o a braccetto, e questo a tutte le età, dai bambini vestiti cinese ai vecchi con turbante – so che da queste parti c’è una tradizione abbastanza viva e di lunga data di omosessualità, ma non si tratta solo di questo, sembra un diverso modo di sentirsi “maschio”, quasi si facesse tra uomini tutto quello che non si può fare alle donne (vedi la stretta di mano negata di ieri)

dalla passeggiata citadel-bazaar sono rientrato sotto la pioggia – piove come piove in nord europa, fina e fitta, fa anche un po’ freddo, davvero un clima “strano” per un paese desertico, ma un ottimo clima per scrivere il mission report! (mi consolo con la foto del tramonto di ieri)

Annunci

Informazioni su vaccaricarlo

father (3), blogger (vaccaricarlo), biker (Ducati)
Questa voce è stata pubblicata in succede e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...