l’aborto

abortolibro leggero e sognante: un giovane vive fuori dal mondo in una biblioteca che accetta libri da sconosciuti per salvarli (i libri) dall’oblio stivandoli in profonde caverne – un giorno la realtà esterna irrompe sotto forma di una splendida ragazza che si ferma a vivere anche lei nella biblioteca trasformando la vita del protagonista

la vita prosegue fino all’evento del titolo,  che obbliga i protagonisti a uscire dalla biblioteca, dalla loro bolla di irrealtà e dalla california e a tuffarsi nella vita vera

brautigan con poche pagine descrive una realtà parallela dove tutto può succedere e dove la vita procede con ritmi altri e rarefatti – solo i rapporti tra le (poche) persone contano e scandiscono il tempo, obbligando il lettore a riflettere sulla quotidianità delle piccole cose

«Molto gentile» disse. Sollevò una mano, gettò all’indietro i lunghi capelli neri, provocando un nero lampo di pipistrelli in fuga oltre l’orecchio.”

“La strinsi fra le braccia e radunai le foglie e i fiori del suo giardino, e lei ricambiò, delicata e floreale.”

“Fu un momento difficile poi entrambi sorridemmo, lì nel buio, di noi stessi. Pur non vedendo i nostri sorrisi, sapevamo che erano là, e ci consolavano, come fanno da migliaia di anni tutti i sorrisi nel buio della notte con gli abitanti inquieti della terra.”

“Per citare Foster: «Troppi forse, a questo mondo, e troppe poche persone».”

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...