storie per una buonanotte

timthumb1la mamma in questo mese lavora spesso fino a tardi e con a. abbiamo tanto tempo per noi, per ritrovarci e passare ore insieme, per fare quelle cose che si possono fare “solo perché non c’è mamma”, tanto tempo per le nostre pizze e per i nostri gelati in garbatella, per le nostre cenette in cucina, per scegliere insieme la musica da sentire e per camminare mano nella mano

stasera mi ha chiesto di leggerle una storia e ha scelto un libro di grossman, “storie per una buonanotte” appunto – mi piace come scrive grossman, specie i libri per bimbi, in modo piano e incantato, facendo ridere e pensare

riprendo alcune frasi dall’appendice del libro, intitolata “nella bolla della storia della buonanotte”

“Se durante il giorno un senso di ‘pragmatismo’ impone a bambini e genitori l’obbedienza a un ritmo esterno, esigente e pressante (Fai questo, non fare quello, perché l’hai fatto, mi avevi promesso che…, se non fai questo…) ecco che il momento della storia-della-buonanotte crea una specie di bolla di vicinanza e tenerezza nella quale le tensioni possono dileguarsi, svanire, e i due complici della storia – il genitore e il bambino – hanno l’occasione di raggiungere un luogo primario e profondo dentro di sé, e anche dentro il legame tra loro.”

“… ecco che grazie al racconto l’ordine del mondo si sfalda. E con l’approvazione dei genitori, oltretutto. La realtà nota, quella che i bambini spesso vedono rigida, limitante e arbitraria, comincia a disfarsi, a diluirsi in correnti fantastiche, leggendarie, oniriche. A un tratto tutto è possibile.”

“E poi, ovviamente, c’è l’umorismo, la possibilità di ridere insieme, di farsi trascinare dalla corrente di un pensiero diverso, buffo, sfrenato, quasi anarchico (dal punto di vista della “realtà” nota al bambino): la possibilità di divertirsi insieme, di infrangere le regole, di sovvertire i punti di vista, di solleticare tutto ciò che è rigido e severo, di scatenarsi e fare stupidaggini insieme. Spesso, nel pieno di questa turbinosa allegria, il bambino può vedere come era il padre alla sua età: un bambino piccolo, discolo …”

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...