internet top 20: come sta l’italia

Screenshot from 2015-10-06 10:24:09dal bel sito di statistiche su internet internetworldstats ho ricavato questa interessante tabellina, con le prime 20 nazioni su internet

noi siamo giusto ventesimi – alcune notazioni:

  • i primi tre paesi coprono più della metà degli utenti internet del mondo
  • la posizione dell’italia è semplicemente tragica: questa tabella spiega molto più di mille analisi la crisi profonda in cui siamo – stare dietro il bangladesh, il vietnam e la turchia spiega il ruolo sempre più marginale del nostro paese
  • la situazione italiana sta peggiorando: a parte corea e giappone (che ormai sono oltre il 90% di penetrazione) l’italia è la nazione con il tasso di crescita più basso: con ogni probabilità dall’anno prossimo usciremo anche dai primi venti
  • se confrontiamo il tasso di penetrazione l’italia è il peggiore dei paesi europei, siamo sotto la russia e ci stanno raggiungendo turchia, brasile, iran e nigeria

questi numeri sono spiegati dalla diffusa ignoranza coltivata da decenni di politiche che hanno favorito la televisione e da una scuola sempre più lontana dalla realtà – fatico a trovare un qualunque accenno di ottimismo: stiamo semplicemente uscendo fuori dai mercati di domani, ci stiamo suicidando!

Annunci

Informazioni su vaccaricarlo

father (3), blogger (vaccaricarlo), biker (Ducati)
Questa voce è stata pubblicata in succede, web 2.0 e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a internet top 20: come sta l’italia

  1. Carolina ha detto:

    Comprendo il pessimismo, ma penso si debba anche tener conto della specifica situazione demografica italiana: i giovani sono piuttosto pochi e gli anziani hanno, di solito, un titolo di studio basso. Il quadro va letto anche alla luce di questi elementi; tant’è che un ricambio generazionale (anche in termini di cultura informatica) è ormai in atto da anni ed il trend mi lascia sperare bene. Detto questo, il problema non è tanto nel mezzo (non si può più parlare di internet e della televisione, o della stampa, come insiemi a sé stanti) quanto nella qualità dei suoi contenuti: altro è guardarsi Rai5 altro è chattare su scemenze dalla mattina alla sera…Quindi, le politiche debbono riguardare la cultura su tutti i supporti, non i supporti in sé. I mercati saranno influenzati nei prossimi anni da tanti di quei fattori (politici, sociali, climatici, demografici….), molti dei quali oggi sono delle vere e proprie black box, che non mi sento di attribuire alla diffusione dell’informatica “a livello popolare” un ruolo così pesante. Intendo dire che un ruolo lo ha e lo avrà senz’altro, sia chiaro; ma in un sistema estremamente complesso su cui francamente non mi sento (forse, ho paura) di esprimere una qualsiasi previsione. Ciao!

  2. lucianocountryman ha detto:

    Grazie per l’indicazione del sito. Alla prossima statistica!

  3. Simone ha detto:

    interessante tabella, ma non condivido completamente l’analisi visto che la tabella e’ ordinata per popolazione (totale utilizzatori) anziché per penetrazione.. In questo modo anche se l’Italia avesse il 100% della popolazione che utilizza internet staremmo dietro al Vietnam…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...