sette brevi lezioni di fisica

setteda sempre leggere di fisica mi ha dato da pensare alla “piccolezza” delle nostre vite, a quanto crediamo importanti piccoli eventi che accadono su questo granello di polvere che gira intorno al sole – da sempre questi pensieri mi danno una sorta di vertigine, e il “rientro” nella vita quotidiana non è sempre facile

forse non è estraneo a questa mia frequente “fuga” nella lettura di libri di fisica il fatto che mio figlio si sia laureato in astrofisica

ecco qui un (troppo?) breve libro che esprime bene tutta la meraviglia che le scoperte della fisica portano dentro le nostre giornate – in poche pagine sono spiegate, in forma semplice e comprensibile a molti, le ultime conquiste della fisica, sia nell’infinitamente grande che nell’infinitamente piccolo

un buon libro per chi vuole capire in breve (o ripassare)  i principi base di relatività, meccanica quantistica, quark e buchi neri, per poi tornare nella vita di tutti i giorni con maggiore coscienza della marginalità e della grandiosità dell’uomo

Ci sono frontiere, dove stiamo imparando, e brucia il nostro desiderio di sapere. Sono nelle profondità più minute del tessuto dello spazio, nelle origini del cosmo, nella natura del tempo, nel fato dei buchi neri, e nel funzionamento del nostro stesso pensiero. Qui, sul bordo di quello che sappiamo, a contatto con l’oceano di quanto non sappiamo, brillano il mistero del mondo, la bellezza del mondo, e ci lasciano senza fiato .”

“Diciamo che le cose che esistono sono quelle nel presente: il passato non esiste (più) e il futuro non esiste (ancora). Ma nella fisica non c’è niente che corrisponde alla nozione di «adesso». Confrontate «adesso» con «qui». «Qui» designa il luogo dove sta chi parla: per due persone diverse, «qui» indica due luoghi diversi. Perciò «qui» è una parola il cui significato dipende da dove viene pronunciata (il termine tecnico per parole di questo tipo è «indicale»). Anche «adesso» designa l’istante in cui la parola viene detta (anche «adesso» è un termine indicale). Nessuno si sognerebbe di dire che le cose «qui» esistono, mentre le cose che non sono «qui» non esistono. Ma allora perché diciamo che le cose che sono «adesso» esistono e le altre no? Il presente è qualcosa di oggettivo nel mondo, che «scorre» e fa «esistere» le cose l’una dopo l’altra, oppure è solo soggettivo come «qui»? “

“Ci sono capolavori assoluti che ci emozionano intensamente, il Requiem di Mozart, l’Odissea, la Cappella Sistina, Re Lear…Coglierne lo splendore può richiedere un percorso di apprendistato. Ma il premio è la pura bellezza. E non solo: anche l’aprirsi ai nostri occhi di uno sguardo nuovo sul mondo. La Relatività Generale, il gioiello di Albert Einstein, è uno di questi.”

“Abbiamo cento miliardi di neuroni nel nostro cervello, tante quante le stelle di una galassia, e un numero ancora più astronomico di legami e combinazioni in cui questi possono trovarsi. Di tutto questo non siamo coscienti. “Noi” siamo il processo formato da questa complessità, non quel poco di cui siamo coscienti.”

Annunci

Informazioni su vaccaricarlo

father (3), blogger (vaccaricarlo), biker (Ducati)
Questa voce è stata pubblicata in libri. Contrassegna il permalink.

Una risposta a sette brevi lezioni di fisica

  1. scarfonemauro ha detto:

    Caro Carlo, anch’io mi diletto di libri di fisica, perché sono un rifugio nel regno dei ragionamenti rigorosi e delle, + o -, certezze, in fuga dal casino della vita e della politica quotidiane. Cerco sempre di andare alle conferenze di Rovelli, molto spettacolari ed emozionanti, poi ahimé ripiombo nella confusione. / brevi lezioni non é il miglior libro che abbia letto, ma apprezzo la sua diffusione e successo: gli italiani di ceto medio intelligenti e ansiosi d’informarsi sono un pò di più di quel che pensavo, anche se questo non esce fuori alle elezioni. La scienza diventa sempre più importante per i suoi effetti su tutta la società, basta pensare alla possibilità di clonazione e alla questione dei vaccini che dovrebbero provocare l’autismo (sentenza odierna di qualche TAR di nonsodove), e una popolazione informata é un requisito essenziale di democrazia, altro che referendum. Come vedi, Rovelli ci porta lontano

    Mauro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...