gran finale

e d’improvviso arrivano gli ultimi giorni a vientiane, riusciamo a far provare ad arianna il primo massaggio professionale della sua vita: scappando dopo aver fatto le valige e prima di completare la presentazione finale, io mi concedo un massaggio ai piedi e lei un “spalle e schiena” che ci lasciano soddisfatti e rilassati – l’ultimo giorno collego il mio cellulare a un cavo taroccato e … scompare tutto, morto!

non vi ho raccontato che il giorno prima, windows sul mio pc lancia un aggiornamento e … muore,  non riparte più, neanche in modalità provvisoria – per fortuna che i dati sono tutti sul cloud e sul pc  ho installato il fidato linux che funziona sempre: gli ultimi due giorni mysql, desktop remoto e office gireranno allegramente con il pinguino

insomma, il cellulare non si riprende in alcun modo: in effetti un mesetto fa era caduto e lo schermo aveva sopra un rorschach nero che obbligava ogni volta ad inventare la posizione di lettere e simboli, ma speravo di avere il tempo di rientrare – venerdì pomeriggio presentazione finale ai manager (su linux appunto) e poi un favoloso spuntino di saluto a base di birra e cibo lao al tramonto in riva al mekong con tutti i partecipanti alla riunione: restiamo incantati a seguire il sole che scende

per andare all’aeroporto abbiamo prenotato un tuk-tuk che arianna voleva provare e così arriviamo allegramente rumorosi al nostro aeroporto – al check in sorpresona: il volo bangkok – francoforte è stato cancellato e riprogrammato la mattina dopo! così, arrivati a bangkok, nel caos generale veniamo ammucchiata su un pullman e portati a un albergo bellofuori orrendodentro per passare la notte

entriamo in camera a mezzanotte passata e arianna dorme praticamente da un’ora; avvisiamo francesca con il pc (la rete almeno funziona) ma ci accorgiamo in camera che anche il cellulare di arianna, una vecchia carretta, vicino alla batteria si è scritto il video, ed è diventato praticamente illeggibile – mettiamo le sveglie possibili e ovviamente alle 4.40 mi sveglio da solo – doccetta, vestiti sporchi e via verso l’aeroporto senza colazione; nuova trafila immigrazione-sicurezza e finalmente alle 7.30 entriamo in un enorme airbus a380 che ci porterà a francoforte (primo 380 per me, e anche per a.!)

solo all’alba di sabato realizzo che tutto ciò è successo venerdì 13

Annunci

Informazioni su vaccaricarlo

father (3), blogger (vaccaricarlo), biker (Ducati)
Questa voce è stata pubblicata in viaggi e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a gran finale

  1. Massimo Foglia ha detto:

    ….GrazieCaRLo…èSempreunPiacereViaggiareKonTe&laDolceAri…sperodiVederviTuTtiaSsaiPrestoTVabbraccio 🍁🍁🍁

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...