la cura schopenhauer

il racconto degli ultimi anni di vita di uno psicoterapeuta: la sua malattia lo porta a inserire nel suo gruppo terapeutico preferito un vecchio caso irrisolto – la storia di questo gruppo si interseca con pezzi della biografia del grande filosofo tedesco, preso a modello dal vecchio caso

interessante il racconto delle dinamiche di un gruppo di psicoterapia, dove le persone riportano sensazioni ed esperienze, crescendo insieme – le parti su schopenhauer sono focalizzate soprattutto sul significato della vita e della morte, viste dal pessimistico punto di vista del filosofo

il libro mi ha ricordato molto philip roth e i suoi libri pieni di psicoanalisi, introspezioni, dialoghi serrati e sesso raccontato – la scrittura è a tratti piacevole, ma discontinua e rischia di diventare noiosa

da leggere per le riflessioni sulla morte e le descrizioni delle dinamiche dei gruppi di psicoterapia

“No, aveva sem­pre creduto che il boccone più gustoso della vita non fosse an­cora stato assaporato e aveva sempre concupito il futuro… Il tempo in cui sarebbe stato più grande, più intelligente, più grosso, più ricco. E poi era arrivato lo sconvolgimento, il tem­po del grande capovolgimento, l’improvvisa e catastrofica perdita degli ideali del futuro, e l’inizio del dolente struggi­mento per come le cose erano solite essere in passato.”

“Era vero che non aveva mai real­mente assaporato l’attimo, mai afferrato il presente, mai detto a se stesso: «Eccolo qui, questo momento, questo giorno… questo è quello che voglio! Questi sono i cari vecchi giorni, proprio adesso.”

“Vedere la fine ci porta sempre a rallentare il passo. I lettori sfrecciano rapidamente attraverso le mille pagine dei Fratelli Karamazov fino a quando non ne rimangono che una dozzi­na, e allora all’improvviso diminuiscono la velocità di lettura, assaporando ogni paragrafo lentamente, succhiando il netta­re da ciascuna frase, da ciascuna parola. “

 

Informazioni su vaccaricarlo

father (3), blogger (vaccaricarlo), biker (Ducati)
Questa voce è stata pubblicata in libri e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...