Archivi categoria: opcit

il fato

“Fino a quando non farai diventare conscio l’inconscio, esso dirigerà la tua vita e tu lo chiamerai fato… “ [Carl Gustav Jung, che morì oggi, 60 anni fa]

Pubblicato in opcit | Contrassegnato , | Lascia un commento

Baricco, la guerra, Arianna e la bellezza

l’altro giorno ero in moto con arianna e mi ha raccontato che l’ha colpita la riflessione finale dell’iliade di baricco, dove parla della bellezza della guerra: “Per questo, oggi, il compito di un vero pacifismo dovrebbe essere non tanto demonizzare … Continua a leggere

Pubblicato in libertà, opcit, succede | Contrassegnato , , | Lascia un commento

la befana

Recanati, Epifania del 1810. Carissima Signora. Giacché mi trovo in viaggio volevo fare una visita a Voi e a tutti li Signori Ragazzi della Vostra Conversazione, ma la Neve mi ha rotto le tappe e non mi posso trattenere. Ho … Continua a leggere

Pubblicato in opcit | Contrassegnato | 1 commento

la differenza tra un romanzo e la vita

“Un romanzo è una stilizzazione della realtà”, dice a un certo punto Amis all’amico Rushdie. “Penso sempre che la differenza fra un romanzo e la vita reale sia la stessa differenza che passa fra la scarpa e il piede di … Continua a leggere

Pubblicato in opcit | Contrassegnato , | 1 commento

tips from maya angelou

suggestions from a fantastic woman consigli da una donna fantastica   «I’ve learned that people will forget what you said, people will forget what you did, but people will never forget how you made them feel» «Ho imparato che le … Continua a leggere

Pubblicato in opcit | Contrassegnato | 1 commento

uomini e dei

La vita dell’uomo è da preferire a quella di un dio, per la semplice ragione che è quella vera. Una sofferenza autentica è da preferire a una felicità illusoria. Non si può desiderare l’eternità perché essa non fa parte del … Continua a leggere

Pubblicato in libertà, opcit | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

rules of attraction

«Nessuno conoscerà mai nessuno. Possiamo solo avere a che fare l’uno con l’altro. Tu non mi conoscerai mai». «Cosa diavolo significa», domando. «Significa solo che non mi conoscerai mai, – dice lui – Immaginatelo. Arrangiati». (Bret Easton Ellis 1987) “No … Continua a leggere

Pubblicato in opcit | Contrassegnato , , | 1 commento

… quello che conta è l’appartenenza

“Qui non conta più se uno è bravo o non è bravo, se è pulito o se ha le mani sporche, se è intelligente o è cretino, se sa fare il suo mestiere o è un ignorante della più bell’acqua, … Continua a leggere

Pubblicato in opcit | Contrassegnato , | 1 commento

il manifesto del lavoro ben fatto – the well done work manifesto

IL MANIFESTO DEL LAVORO BEN FATTO (dal blog di vincenzo moretti #lavorobenfatto) (english version below) 1. Qualsiasi lavoro, se lo fai bene, ha senso. 2. Nel lavoro tutto è facile e niente è facile, è questione di applicazione, dove tieni … Continua a leggere

Pubblicato in opcit | Contrassegnato , , , , | 1 commento

le ultime riflessioni di tommaso la branca

«In questo preciso istante, mentre scrivo e mentre leggete, una ragazza o un ragazzo sta legando un’immagine, una sensazione, una madeleine dell’estate 2016 alla voce effettata di Fabio Rovazzi, l’autore della canzone “Andiamo a comandare”. … Scorrendo il video, colpisce … Continua a leggere

Pubblicato in opcit | Contrassegnato | Lascia un commento