Archivi categoria: poesia

arianna e il testamento di tito

in macchina con mia figlia, ora finalmente sta davanti, fabrizio canta “il testamento di tito” ed è un’occasione per sue domande sulla canzone – le spiego i dieci comandamenti, la crocifissione e i due ladroni, lei non sa cosa siano … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , , | 1 commento

gerico

È raro sentire cantare in strada molto più raro sentire fischiare o fischiettare se qualcuno lo fa l’aria sembra fargli spazio ti sembra che un refolo muova la flora dei tuoi pensieri ti metta dove prima non eri; ma come … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , | Lascia un commento

papa giovanni contro la guerra

papa giovanni, il papa buono, quello la cui carezza papà mi portò in una sera del 1962, era un grande sostenitore della pace – il “suo” concilio condannò senza mezzi termini la guerra: “Questo Sacrosanto Concilio, facendo proprie le condanne … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

andai / i went

Andai «Non ebbi legami. Mi abbandonai totalmente e andai. A godimenti, per metà reali e per metà erratici nella mia mente, andai nella notte illuminata. E bevvi vini vigorosi, come quelli che bevono i prodi del piacere». I Went I … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , , | Lascia un commento

il rimorso – el remordimiento

Ho commesso il peggiore dei peccati che un uomo può commettere. Non sono stato felice. Mi travolgano e disperdano, spietati, i ghiacci dell’oblio. I miei mi avevano creato per il gioco azzardato e stupendo della vita, per la terra, per … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , , , | 1 commento

Di seconda virtù

Vedo tutto farsi aria aria le mani, le dita aria le carezze il bosco, il recinto regni intoccabili in cui chiudi i pensieri e ne fai rami appesi al vento delle soglie. * Quale sarà mai l’alfabeto delle carezze? Cosa … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , , | Lascia un commento

sensoltre

bellissima esperienza organizzata  da informatici senza frontiere: una mostra di quadri per ciechi da “vedere” bendati toccandoli con le mani e ascoltando in cuffia  un testo con musica nella splendida ambientazione della sala del cenacolo in vicolo valdina (offerta dalla … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , , , , | 1 commento