Archivi categoria: poesia

sensoltre

bellissima esperienza organizzata  da informatici senza frontiere: una mostra di quadri per ciechi da “vedere” bendati toccandoli con le mani e ascoltando in cuffia  un testo con musica nella splendida ambientazione della sala del cenacolo in vicolo valdina (offerta dalla … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , , , , | 1 commento

lunga è la notte di peppino

Lunga è la notte e senza tempo. Il cielo gonfio di pioggia non consente agli occhi di vedere le stelle. Non sarà il gelido vento a riportare la luce, né il canto del gallo, né il pianto di un bimbo. … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , | Lascia un commento

Animae ludentes

Voi che nella luce del giorno sotto la mia finestra mimate allegri l’età adulta continuate vi prego le vostre prove perdonate l’atto impuro di chi di voi voleva fare materia di canto senza di voi capire il come il quanto … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , , | Lascia un commento

acqua che passa – victor cavallo

Pace è acqua che passa Allah è grande e a Maronn c’accumpagna sole che sorgi libero e giocondo tra le lacrime d’amore i tram fermi le rotaie nere come vene disperate le nuvole d’improvviso come un’osteria chiusa un’ariaccia che rende … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , | Lascia un commento

Le più belle poesie

Le più belle poesie si scrivono sopra le pietre coi ginocchi piagati e le menti aguzzate dal mistero. Le più belle poesie si scrivono davanti a un altare vuoto, accerchiati da argenti della divina follia. Così, pazzo criminale qual sei … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , | Lascia un commento

per papà Carlo da papera

Il bene che ti voglio le emozioni che provo quando mi sei vicino sono come un mucchio di alghe impossibile da contare Tra queste alghe, quella che risalta che attrae lo sguardo è un cuore rosso come l’amore come il … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , | 1 commento

ultimo giro

Ultimo giro alla Chiesa di Costantino Lips, che aveva sette absidi e tre navate, davvero inusuale. Come la mappa del corpo sbilanciata sul cervello: sesso deforme, collo sottile, membra trascurabili, punte delle dita a spatola, codice tangibile di come è … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , | Lascia un commento