Archivi tag: poesia

non è vero

Non è vero che non siamo stati felici. Lo sei stato ogni volta che un occhio fissava deciso a negare o ad imprendere. Se entravi in una città ancora ignota o dove il mare sta. Se un gesto ricordava il … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , , | Lascia un commento

inedito

sotto il vestito buono preme l’esuberanza onesta della carne (tese le cuciture sulle spalle) ed è facile immaginare quel corpo muoversi sotto il cielo vastissimo del grano di maggio, stare nella compattezza di un’esistenza sola sotto il peso del cielo, … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , | Lascia un commento

Terza ora di lavoro

Passate la sera, la notte e la mattina, la mia vicina di casa rilegge il giornale in cucina, per la quarta volta. Potrei raccontarle di lei oggi e tergiversare sulle vite che non ho avuto, dirle quanto mi tormentano la … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , , | Lascia un commento

gerico

È raro sentire cantare in strada molto più raro sentire fischiare o fischiettare se qualcuno lo fa l’aria sembra fargli spazio ti sembra che un refolo muova la flora dei tuoi pensieri ti metta dove prima non eri; ma come … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , | Lascia un commento

andai / i went

Andai «Non ebbi legami. Mi abbandonai totalmente e andai. A godimenti, per metà reali e per metà erratici nella mia mente, andai nella notte illuminata. E bevvi vini vigorosi, come quelli che bevono i prodi del piacere». I Went I … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , , | Lascia un commento

il rimorso – el remordimiento

Ho commesso il peggiore dei peccati che un uomo può commettere. Non sono stato felice. Mi travolgano e disperdano, spietati, i ghiacci dell’oblio. I miei mi avevano creato per il gioco azzardato e stupendo della vita, per la terra, per … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , , , | 1 commento

Di seconda virtù

Vedo tutto farsi aria aria le mani, le dita aria le carezze il bosco, il recinto regni intoccabili in cui chiudi i pensieri e ne fai rami appesi al vento delle soglie. * Quale sarà mai l’alfabeto delle carezze? Cosa … Continua a leggere

Pubblicato in poesia | Contrassegnato , , | Lascia un commento