Feeds:
Articoli
Commenti

25 aprile

IMG_20150425_16455625 aprile a bologna: a venti anni dalla morte di papà, siamo andati a trovarlo alla certosa di bologna – con l’occasione abbiamo visitato la città, che a. non conosceva, e abbiamo approfittato per incontrare fratelli e amici

bello il 25 aprile a bologna: una bellissima danza collettiva in piazza maggiore, con centinaia di persone di tutte le età che danzano balli popolari – un grande modo di fare davvero “festa”

poi con a. abbiamo visitato l’elenco dei morti della resistenza e le abbiamo spiegato cosa è successo, perché è stata importante e come sia stata l’origine della nuova democrazia italianaIMG_20150425_165716

noi vi ricordiamo

#ioleggoperché

ioleggopercheieri abbiamo festeggiato la giornata mondiale del libro – l’unesco scelse il 23 aprile perché quel giorno nel 1616 morirono shakespeare, cervantes e de la vega

in italia per l’occasione una bella iniziativa – ioleggoperché – con la quale gli editori hanno stampato centinaia di migliaia di libri in edizione speciale, che sono stati distribuiti gratuitamente da “messaggeri” volontari

io sono stato uno delle migliaia di messaggeri: l’altro giorno sono passato a prendere i libri in libreria e ho scelto “brancaleone” di age&scarpelli e “una canzone per bobby long” di everett caps (bellissimo il film con john travolta e scarlett johansson)

ho dato i libri a due mamme fuori scuola, a una vicina di casa incontrata sulla metro, al portiere dell’ufficio, a un collega in ufficio e i restanti agli amici del centro anziani che seguivano la lezione di informatica – è stato bello avere qualcosa da regalare e “scegliere” di volta in volta a chi fare un regalo

levirileggo dopo tanti anni il bellissimo libro di levi, stanco di leggere resoconti di seconda mano nel giorno della memoria – grazie alla magia del libro, per qualche ora sono stato lì, nel campo vicino a auschwitz, tra persone abbrutite dallo sforzo di sopravvivere

le varie strategia di sopravvivenza vengono elencate, come fossimo in uno studio sociologico –  la infinita galleria dei personaggi del lager scorre lungo le pagine, mentre il male assoluto trionfa nel campo e in europa

a volte solo la poesia può tentare di trasmettere a chi viene dopo l’orrore di quegli anni

 Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi.

image

quali sono i più importanti aspetti della collaborazione internazionale in subito statistico? come formare i nuovi profili di data scientist? quali standard e quali modelli vanno diffusi e utilizzati? quali politiche di cooperazione possono aiutare i paesi in via di sviluppo?
e come implementare la business architecture? come utilizzare i big data nella statistica ufficiale?
quanta strada abbiamo fatto! dieci anni fa muovevano i primi timidi passi, parlando di business process model comune e di scambio di programmi software… oggi abbiamo siti in comune, numerosi standard definiti e condivisi, gruppi che lavorano insieme, ambienti di elaborazione congiunti
e si affacciano nuove generazioni, gente che non sa come era prima e giustamente vuole andare oltre e dà per scontate le nostre conquiste – sono contento, abbiamo raggiunto molti obiettivi, oggi quando parlavo non volava una mosca, ma capisco che comincio a far parte dei vecchi della tribù e mi calo nel ruolo del vecchio (spero) saggio, ma innovatore
ginevra ieri era bellissima, una luce stupenda, il cielo azzurro e il monte bianco sullo sfondo – ho camminato 11.000 passi e sono andato a letto contento

grazie giampiero

IMG_20150412_123005oggi un bel torneo di pallavolo per ricordare giampiero (jumpy) che l’anno scorso ci ha lasciato: dieci squadre si sono affrontate nei campi del tellene di spinaceto, in una mattinata di gioco tra le tante persone che con giampi avevano giocato

una bella giornata di sport giocato, nella quale è stato consegnato a solidai l’importo raccolto in memoria di giampiero

palloni tutti in comune, tanti ritorni, bambini sugli spalti, noi giocatori che a turno abbiamo fatto arbitri e segnapunti, sportività, tanti sorrisi e qualche lacrimuccia: grazie giampi

weekend

locandinavenerdì sera da nunzia a benevento cena dei motociclisti per organizzare il viaggio di quest’anno: andiamo prima a corfù e poi torniamo in albania per completare il giro interrotto l’anno scorso dall’incidente – solita cena “familiare” con nunzia che si siede con noi al tavolo per discutere il menu (e il viaggio!)

sabato mattina mi dedico all’educazione di ciro, un cane pastore del caucaso con il quale faccio una lunga passeggiata, tenendolo ogni tanto con il guinzaglio “al piede” – ciro risponde benissimo e sono molto contento: non solo sta perfettamente al mio fianco senza tirare, ma sta anche al piede quando passiamo davanti ad altri cani che gli abbaiano contro

camminare con un cane nella campagna mi fa sentire che questa unione (tra uomini e cani) è di origine antichissima e che le nostre specie sono complementari da migliaia di anni

sabato poi psico-cinema: la mattina california poker e il pomeriggio notturno bus, due bei film per riflettere sul temo dell’azzardo, sugli azzardi che abbiamo sperimentato nelle nostre vite e su quelli potenziali

sei rarissima

Roma_Metro_at_Anagnina_Stationl’altro giorno con a. siamo andati in giro in metropolitana e giocavamo a chi pestava “meglio” i piedi dell’altro – ormai è proprio bello andare in giro con lei, portiamo a spasso la nostra complicità

al ritorno ha trovato un posto a sedere e io stavo in piedi davanti a lei, la metro abbastanza piena – a un certo punto, senza dirmi niente si è alzata, è andata vicino a una signora anziana e le ha detto “si vuole sedere?”

la signora si è commossa. ha ringraziato e le ha detto “grazie, non succede mai … sei rarissima!”

… mi riempie la vita

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 515 follower